Farmaci fans e rischio cardiovascolare

Quando abbiamo dolore la prima cosa che viene in mente in genere è quella di prendere un antidolorifico o antinfiammatorio, ma da oggi è meglio stare attenti a non prolungare troppo nel tempo il loro utilizzo, in particolare dei farmaci FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei): il loro utilizzo nel tempo è risultato essere un fattore di rischio per le morti da eventi cardiovascolari.

A dirlo è una ricerca pubblicata su “The Lancet” e condotta all’Università di Oxford da Colin Baigent e il sui team di collaboratori (tra cui un italiano dell’Università Cattolica di Roma, Carlo Patrono), in cui si riscontra come nei 1000 soggetti sottoposti a cure di Fans ad alte dosi (150mg diclofenac o 2400 mg ibuprofene al giorno) il rischio di ictus e infarto aumenti di circa un terzo.

Sembrerebbe essere escluso dai risultati negativi il naprossene, poco tossico per l’apparato cardiocircolatorio.

Lo studio conferma i risultati di altre ricerche svolte in precedenza che accusavano i Fans di nuova generazione, che tra l’altro avevano sostituito quelli vecchi per i loro problemi all’intestino.

Considerate più di 300.000 persone che assumono alte dosi e per molto tempo come i pazienti affetti da artrosi o artrite, i risultati riportano anche qui come siano state riscontrate maggiori complicanze cardiovascolari, ma anche un rischio maggiore di emorragia gastrointestinale (da 2 a 4 volte maggiore), per fortuna raramente pericolosa.

Attenzione quindi a quando assumete con leggerezza questo genere di farmaci (ma io considererei tutti i tipi di medicine) e, mi raccomando, sentite sempre il parere di uno o più medici qualificati.

Con i farmaci non si scherza!

Quando avete dolori cronici, provate anche ad avvicinarvi a trattamenti olistici come la riflessologia plantare, è efficace e non comporta i rischi sopraelencati.

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

Antinfiammatori e antidolorifici sotto accusa: rischio infarto e ictus

dott. Filippo Tartaglini | Physioness.com

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.