Branzino al cartoccio

Per la preparazione di questo secondo abbiamo utilizzato il branzino, conosciuto anche come spigola.

E’ un pesce ricco di sali minerali, con un buon tenore di proteine, ma con pochi grassi: un connubio perfetto direi.

Viene commercializzato sia fresco che surgelato.

Come scegliere il branzino?

Questo pesce deve avere un corpo sodo  e rigido, le squame devono essere aderenti e le branchie rosa-rosse, l’occhio deve essere sporgente con la pupilla nera .

Ingredienti per 4 persone

  • 4 branzini di circa 20-25 cm
  • vino bianco secco
  • 1 limone
  • 4 rametti di rosmarino
  • 12 pomodorini cigliegini
  • 1 cipolla
  • 2 cipollotti
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 manciata di prezzemolo tritato
  • olio extravergine d’oliva, sale e pepe q.b.

Procedimento

  1. Preparare 4 rettangoli di fogli di alluminio e spennellarli con un po’ di olio.
  2. Sviscerare e squamare il pesce (io per convenienza lo faccio fare direttamente al pescivendolo o prendo i branzini che vendono già sviscerati e surgelati).
  3. Farcirlo (nella parte della pancia) con un rametto di rosmarino, mezzo spicchio d’aglio, prezzemolo, sale e pepe.
  4. Distribuire esternamente per ogni cartoccio ancora un po’ di prezzemolo tritato, una fetta di limone, qualche anello di cipolla, mezzo cipollotto tagliato per lungo, tre cigliegini tagliati in 4 parti e una spruzzata di vino bianco.
  5. Chiudere il cartoccio e infornare a forno già caldo a 200° per circa 25-30 minuti. Servire con sale olio e limone.

Se l'articolo ti è piaciuto e magari ti è stato anche utile, ti chiedo di mettere un mi piace (Facebook) qui sotto: a te non costa nulla, a me permette di continuare a pubblicare contenuti gratuiti, grazie!

Branzino al cartoccio

dr. Filippo Tartaglini

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.