Curva di dissociazione dell'Emoglobina

La curva di dissociazione dell’emoglobina è stato una delle parti di fisiologia che ho dovuto studiare e capire meglio, anche solo per il fatto che è fondamentale per la nostra vita.

Purtroppo non tutti i libri la spiegano in maniera comprensibile e non tutti i professori hanno il tempo, la voglia (o la capacità) di spiegarla in modo adeguato agli alunni che si trovano di fronte: spesso infatti è data per scontata oppure trattata in modo frettoloso.

Ho deciso così di provare a scrivere un articolo che possa rendere la comprensione di questo aspetto della fisiologia, la curva di dissociazione dell’emoglobina, più facile e agevole.

Cos’è l’emoglobina?

L’emoglobina è una proteina tetramerica composta sostanzialmente da quattro molecole di mioglobina legate assieme (legandosi cambia la disposizione spaziale delle molecole): di conseguenza ognuna di queste quattro parti presenta al suo centro un gruppo eme, capace di legare l’ossigeno o l’anidride carbonica (nella quasi totalità dei casi).

Quasi la totalità dell’ossigeno nel sangue (98%) viene trasportato dall’emoglobina, mentre la minima percentuale restante è disciolta nel sangue secondo la legge di Henry.

Perché la emoglobina e non la mioglobina?

Questa è una delle classiche domande che potreste trovarvi davanti ad un esame, la cui risposta è abbastanza semplice.

L’emoglobina possiede una composizione particolare che la rende la molecola perfetta per regolare nel modo migliore gli scambi gassosi sia a livello polmonare che a livello periferico.

La differenza essenziale tra le due molecole è proprio un’aspetto funzionale:

  1. La mioglobina è un monomero capace anch’esso di legare l’ossigeno grazie al suo gruppo eme, ma le sue proprietà chimiche le donano un’affinità con l’ossigeno molto alta e stabile, permettendole di cedere ossigeno solo ad alte concentrazioni di anidride carbonica
  2. L’emoglobina invece è un tetramero che possiede proprietà differenti dalla semplice mioglobina (svolgendo una funzione analoga) che le permettono ci cambiare la sua affinità con l’ossigeno o con l’anidride carbonica in base alla pressione parziale dell’uno o dell’altro e in base alle caratteristiche dell’ambiente in cui si viene a trovare (ad esempio il ph)

La mioglobina in sostanza non riuscirebbe a gestire gli scambi gassosi di ossigeno e anidride carbonica in modo efficiente a causa della sua “avidità”.

Analisi della curva di dissociazione dell’emoglobina

Veniamo al dunque e analizziamo la curva di dissociazione dell’emoglobina.

Prima di tutto è importante considerare che stiamo parlando di ossiemoglobina, perché la relazione sulla curva riguarda l’ossigeno, mentre quando parliamo di anidride carbonica parleremo di cabossiemoglobina.

La forma che questa curva assume è quella classica a esse italica, che potete vedere nella figura a inizio articolo e rappresenta la relazione che intercorre tra la pressione parziale di ossigeno (asse x) e la saturazione di ossigeno dell’ossiemoglobina (asse y).

La cosa che si nota subito è come all’aumentare della pressione aumenti anche il livello di saturazione, ma non in modo regolare: abbiamo infatti una parte centrale in cui la pendenza è decisamente più alta rispetto alla prima parte o a quella conclusiva.

Nella zona centrale infatti a piccole variazioni di pressione si ottengono grandi variazioni in termini di saturazione.

Grazie a questa proprietà l’emoglobina ci permette di regolare in modo molto efficiente gli scambi gassosi: otteniamo infatti che dove la pressione è molto bassa l’emoglobina cede volentieri l’ossigeno (distretti periferici), mentre dove la pressione aumenta riesce a legarsi con facilità (distretto polmonare).

La forma particolare della curva di dissociazione dell’emoglobina è dovuta alla composizione chimica della molecola stessa: quando un ossigeno si lega ad uno dei quattro gruppi eme aumenta l’affinità per i seguenti legami e viceversa (il quarto legame avrà un’affinità molto più alta del primo e quindi avverrà in modo più agevole).

Nella figura notiamo inoltre che sono state disegnate 3 diversi tipi di curva: una a condizioni fisiologiche, una più spostata a destra e una più spostata a sinistra.

Quando si sposta a destra la curva di dissociazione dell’emoglobina vuol dire che si riduce l’affinità dell’emoglobina per l’ossigeno e aumenta la sua capacità di cederlo, quando si sposta a sinistra succede l’esatto contrario.

Cosa causa uno spostamento della curva?

Prendiamo ad esempio un tessuto periferico che sta consumando ossigeno, avremo: una discesa del ph con aumento della pressione di anidride carbonica, un aumento la temperatura e della concentrazione nei globuli rossi di 2,3 difosfoglicerato (un intermedio metabolico glicolitico capace di legarsi all’emoglobina e di abbassarne l’affinità per l’ossigeno): tutto ciò sposterà la curva verso destra.

Viceversa un aumento di ph, una diminuzione di anidride carbonica, di temperatura e di 2,3 difosfoglicerati sposterà la curva verso sinistra.

Si chiama effetto Bohr proprio lo spostamento a destra della curva causato dalla riduzione di ph e all’aumento di CO2.

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

Curva di dissociazione dell’emoglobina

dr. Filippo Tartaglini

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.