Gastrite: tutto quello che devi sapere, cura e rimedi compresi

Gastrite

  1. Cos’è la gastrite
  2. Quali sono i sintomi della gastrite
  3. Quali sono le cause
  4. La gastrite è una patologia da non sottovalutare
  5. La cura medica per la gastrite
  6. Stile di vita corretto
  7. Dieta e alimentazione in caso di gastrite
  8. I rimedi naturali e la medicina alternativa
  9. Conclusioni e considerazioni

Cos’è la gastrite

La gastrite è una patologia causata da un processo infiammatorio ai danni della mucosa gastrica, con una incidenza molto alta in quasi tutto il mondo, in particolar modo nelle parti più civilizzate dell’occidente, arrivando a colpire in alcune regioni anche il 70% della popolazione con una età superiore ai 30 anni.

In Italia il numero di pazienti colpiti da questo disturbo tende a salire di anno in anno, probabilmente a causa del cambio di abitudini alimentari che stiamo subendo in questo ultimo periodo, verso l’utilizzo di cibi che offrono grandi quantità a discapito della qualità.

Esiste sia una forma acuta, che può avere sintomi più lievi, sia una forma cronica, che in genere causa sintomatologie più serie e disturbi che in molti casi accompagnano la persona per periodi molto prolungati nel tempo.

Quali sono i sintomi della gastrite

I principali sintomi della gastrite riguardano ovviamente lo stomaco e la digestione, sia che si parli di gastrite in fase acuta che cronica.

In entrambi i casi possono presentarsi:

  • bruciore e crampi allo stomaco
  • nausea
  • aerofagia e alito cattivo
  • reflusso gastroesofageo con conseguente bruciore in gola e/o afonia
  • dolore e pesantezza nella zona intorno allo sterno con conseguente affanno anche dopo sforzi minimi

Quando però la gastrite perdura per diverso tempo, tendendo a cronicizzare, ecco che all’orizzonte possono cominciare a comparire altri sintomi che coinvolgono spesso e volentieri altre parti del corpo, ma tute in qualche modo riconducibili all’eccesso di acidità prodotta dallo stomaco e causa di gastrite:

  • disturbi intestinali
  • stitichezza
  • infiammazione dell’orecchio interno e labirintite
  • leggeri attacchi di tachicardia
  • brevi manifestazioni asmatiche

Purtroppo la gastrite cronica porta con sé molte sintomatologie fastidiose capaci di rovinare anche le più belle serate con gli amici, le più serene giornate con la famiglia o i più importanti eventi della vita quotidiana.

Approfondisci l’argomento leggendo l’articolo: “I sintomi della gastrite“.

Quali sono le cause

Quando parliamo di cause che portano alla gastrite, le argomentazioni da proporre sono veramente tante e abbracciano diversi campi: dalle abitudini alimentari errate, all’emotività, dalla presenza di virus alla mancanza di movimento.

Nel particolare troviamo riassunte le cause come:

  • alimentazione errata
  • tempistiche dei pasti sbagliate
  • Helycobacter Pylori (un batterio abbastanza difficile da trattare con antibiotici molto pesanti)
  • assunzione di liquidi non corretta
  • uso di farmaci
  • fumo e tabacco
  • alcol
  • alimenti irritanti la mucosa gastrica
  • sedentarietà
  • respirazione sbagliata
  • ansia ed emotività
  • stress e tensione

Tutti questi fattori predispongono il sistema digerente a produrre un alto livello di acidità: questa acidità anomala presente nel corpo è la causa di tutti i disturbi legati alla gastrite.

Approfondisci l’argomento leggendo l’articolo: “Le cause che portano alla gastrite“.

La gastrite è una patologia da non sottovalutare

In genere la gastrite in fase ancora acuta si presenta in modo subdolo, inducendo la gente ad ignorare quei piccoli, ma costanti bruciori di stomaco, quel senso di nausea che si presenta alla fine di ogni pasto, durante la notte e in molti casi anche appena svegli, quel fastidioso reflusso che brucia in gola e che porta con sé anche un alito pesante.

In molti casi, purtroppo ci si decide ad andare dal medico solo dopo mesi di reflussi e bruciori di stomaco sempre più persistenti e dolorosi: questo è un grande errore, quando parliamo di gastrite bisogna correre ai ripari il prima possibile, prima la si tratta, migliori saranno i risultati (senza arrivare in questo modo a disturbi più seri o complicanze).

La gente è disinformata su questa malattia ed è pensiero ormai comune che questi sintomi siano una cosa di normale amministrazione, di poco conto, sopportabili e che comunque tenderanno a passare da soli nei giorni o nelle settimane successive.

Il più delle volte però si finisce per abituarsi al problema e far cronicizzare la malattia.

E’ consigliabile quindi in questi casi recarsi dal proprio medico di base che, se lo riterrà necessario vi manderà in visita ad un gastroenterologo in modo da avere una diagnosi il più completa possibile e un quadro generale della situazione, scongiurando in questo modo problemi che un domani potrebbero essere più seri (come ulcere o tumori).

La cura medica per la gastrite

Come già accennato la gastrite inizia con una fase acuta di dolore e, col tempo tende a cronicizzare; in entrambi i casi abbiamo delle forme di cura e farmaci diversi: per la forma acuta basta eliminarela causa una volta individuata e in caso assumere sotto consiglio del vostor emdico degli antiacidi o gastroproptettori.

Se la persona si reca dal medico in tempo in molti casi riesce a risolvere il problema con una dieta adeguata e qualche farmaco: la prevenzione come sempre è importantissima.

Quando però la gastrite diventa cronica, le terapie diventano più complicate rispetto ad una forma acuta e diventa fondamentale agire anche sullo stile di vita e le abitudini alimentari; In effetti la gastrite ha talmente tante cause concatenate tra loro che un semplice farmaco difficilmente è in grado di eliminarle tutte.


Se vuoi approfondire l’argomento leggi l’articolo di approfondimento sulla diagnosi e cura della gastrite.

Stile di vita corretto

Un appunto interessante riguarda il fatto che il nostro apparato digerente, del quale fa parte anche lo stomaco, è strettamente legato al movimento inteso come attività fisica: quest’ultima infatti è in grado di favorire il corretto movimento interno dei nostri organi favorendo così la corretta assimilazione ed eliminazione (favorendo anche casi di stitichezza).

Migliorando la funzionalità del canale digerente e con l’eliminazione di aderenze e infiammazioni, dovuto al massaggio che si ottiene con il movimento, migliorerà anche il nostro stomaco e quindi tenderanno a placarsi anche i sintomi.

Attenzione però a non esagerare con il movimento, specialmente dopo i pasti, perché la digestione potrebbe risentirne.

Anche attraverso l’utilizzo della respirazione corretta è possibile ottener effetti simili grazie al lavoro del diaframma.

Teniamo infine presente che la gastrite è spesso collegata a stati di stress intenso e che l’attività fisica e la respirazione fanno parte dei migliori rimedi naturali contro le fasi eccessivamente stressanti.

Ottime in caso di gastrite nervosa sono quindi anche sessioni di meditazione e attività come lo yoga, il pilates o il postural training oltre a corsi per imparare a gestire lo stress.

Dieta e alimentazione in caso di gastrite

Sicuramente per un problema riguardante lo stomaco la nostra attenzione dovrebbe focalizzarsi su una alimentazione corretta: molto importante mangiare a colazione, possibilmente salata, mentre lasciare i pasti più leggeri alla sera in modo da favorire la digestione e il sonno.

Mangiare bene vuol dire mangiare sano e di qualità: lasciare perdere fast food o cibi spazzatura!

Prediligete cibi leggeri ed evitate maggiormente carni rosse, formaggi, alcolici, fritti, latte, caffè (salvo per qualche sporadico caffè ristretto e fumo.

In generale è consigliabile bere molta acqua.

Vuoi approfondire l’argomento alimentazione? Leggi l’articolo: “Gastrite dieta: consigli per un’alimentazione corretta“.

I rimedi naturali e la medicina alternativa

La gastrite può essere trattata anche con molti rimedi naturali o della nonna: l’utilizzo di carote sotto forma di centrifughe o di finocchi anche lessati possono aiutare a lenire i disturbi legati alla gastrite e a difendere il nostro stomaco dalla iperacidità.

Anche l’utilizzo di rimedi come la camomilla, la patata, il cavolo, la malva, liquirizia possono aiutare il nostro stomaco e la nostra digestione.

Tengo a precisare un paio di cose:

  1. La caffeina non aiuta la gastrite, però il tè verde sembrerebbe comportarsi in maniera differente; non me la sento di consigliarlo pienamente, ma alcune persone hanno trovato molto sollievo.
  2. In internet si legge ancora del latte come rimedio per la gastrite, ma è ormai assodato che dopo un leggero beneficio iniziale il consumo di latte porti a un peggioramento della gastrite.

Molte volte occorre una mano in più per uscire da una gastrite cronica: in questi casi quello che posso suggerirvi è di rivolgervi alla medicina complementare, alternativa o energetica che dir si voglia.

L’utilizzo di tecniche e trattamenti che si rifanno ai meridiani energetici infatti sono in grado di ristabilire il vostro equilibrio e di conseguenza la funzionalità dei vostri organi, stomaco compreso.

Molti di voi risulteranno scettici, ma vi invito a fare una riflessione: se avete già tentato con la medicina tradizionale, preferite tentare un’altra strada oppure tenervi la gastrite? La risposta penso sia ovvia, visto e considerato che in trattamenti come la riflessologia esistono poche precauzioni e sono massaggi sicuri e particolarmente piacevoli.

Personalmente vi consiglio di approcciarvi con la riflessologia plantare in quanto tra le tecniche riflesse è quella che offre le migliori possibilità e inoltre non risulta invasiva e pericolosa come l’agopuntura (quando è usata dalle mani sbagliate).

L’unico rischio che rischierete di correre sarà quello di permettere al vostro corpo di reagire e di migliorare la vostra digestione.

Vuoi conoscere tutti i rimedi naturali per la gastrite? Leggi l’articolo approfondito: “Gastrite: i migliori rimedi naturali“.

Conclusioni e considerazioni

Il consiglio generale è quello di rivolgersi al medico, ma di essere consapevoli che molte volte la gastrite non può essere risolta con qualche pastiglia, ma deve essere gestita sotto molti punti di vista, da quello emotivo a quello energetico.

Se non dovreste trovare soluzione col medico specialista o se la vostra gastrite dovesse diventare cronica, vi consiglio di provare anche con i rimedi naturali e la medicina alternativa, potreste rimanere piacevolmente sorpresi.

Tengo a precisare che quanto detto sopra non è in alcun modo parere o consiglio medico, ma ha lo scopo principale di portare le persone alla conoscenza di vie alternative naturali e non invasive, volutamente poco divulgate e pubblicizzate per la cura di patologie come la gastrite; non vi viene chiesto di credere a occhi chiusi a quanto detto fin’ora, ma siete invitati a rifletterci e a farvi una vostra opinione personale e decidere di provare e verificare di persona la veridicità di quanto appena detto.