Latte vietato

La disputa sul latte, se faccia bene o male è sempre aperta, ormai da anni, ma questa volta sembra esserci stata una seria presa di posizione proprio da quel paese lontano da noi che nonostante abbia ancora grandi problemi di salute legati all’alimentazione, sembra avere una marcia in più nell’ultimo decennio rispetto a noi nel porvi rimedio: negli Stati Uniti sembra che il latte stia per essere messo al bando dalle mense scolastiche!

L’associazione noprofit di medici denominata Phisycians Committee for Responsible Medicine (PCRM) ha lanciato una petizione proprio con questo scopo: il latte, si afferma, non ha sufficienti e comunque limitate evidenze scientifiche secondo cui sarebbe da ritenersi come un alimento base per prevenire l’osteoporosi e per garantire la salute delle ossa; anzi sembrerebbe che il tanto blasonato latte potrebbe essere causa di vari problemi di salute (anche dell’osteoporosi stessa!).

Se poi ci aggiungiamo che ormai un americano su otto sarebbe intollerante al latte, è molto ben comprensibile questa petizione indirizzata all’ United States Department of Agriculture nella quale viene ben sottolineato il fatto che il latte non svolge alcun ruolo nel prevenire le fratture di nessuna età; aggiungiamoci pure che è una delle fonti principali di grassi saturi dei bambini.

Il direttore del PCRM, Susan Levin, critica le abitudini alimentari di genitori e mense nel nutrire con latte i bambini, precludendo l’assimilazione di quei nutrienti che servirebbero davvero per la loro salute e delle loro ossa, come legumi e vegetali a foglia verde.

Se volete approfondire l’argomento vi consiglio un bell’articolo completo sul latte in modo da chiarirvi le idee sul quesito: il latte fa bene o male?

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

Latte vietato nelle scuole americane?

dott. Filippo Tartaglini | Physioness.com

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.