Meridiani energetici

Nella medicina tradizionale cinese i meridiani sono i canali che trasportano l’energia in tutto il corpo; si possono immaginare come dei fiumi che trasportano energia dentro e fuori l’uno dall’altro, come una rete che mette in comunicazione tutti gli organi del corpo e ne regola le energie.

Da dove proviene questa energia? La materia, riportano i testi antichi, è infusa di una energia intrinseca che non può essere distrutta, ma al massimo plasmata e modificata.

Nel 1772 Antoine Lavoisier dimostrò sperimentalmente che la materia non può essere creata o distrutta, ma solo trasformata e nella seconda metà del 1800 le scoperte di diversi scienziati, tra i quali Joule, Carnot, Thomson, Clausius e Faraday, svelarono che lo stesso principio valeva per l’energia.

Gli antichi questo lo sapevano bene già qualche migliaio di anni avanti cristo e strutturarono il sistema dei chakra e dei meridiani.

I meridiani (yin-yang) sono alla base dei rapporti che si formano nel nostro corpo e un loro perfetto funzionamento ed equilibrio intrinseco è alla base di uno stato di perfetto benessere e appagamento sensoriale.

Questo perfetto fluire di energie in alcuni casi può trovare degli intoppi causati per esempio dallo stress, dall’alimentazione e dall’elettromagnetismo, creando degli stati di eccesso o di difetto di energia nel corpo.

Lo squilibrio energetico venutosi a creare è causa di scompensi per alcuni organi, di mal funzionamento del corpo e quindi di malattia.

Molte pratiche come la riflessologia plantare e altre tecniche di massaggio, lavorando sui meridiani e sugli scompensi, ridanno armonia ed equilibrio al sistema portando il corpo verso il benessere.

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

Meridiani energetici

dott. Filippo Tartaglini | Physioness.com

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.