Panino McDonalds 14 anni dopo

Immaginate per un momento un panino hamburger e un ragazzo con la voglia di dimostrare ai suoi amici increduli come si potesse conservare per svariati giorni grazie a enzimi e conservanti, mantenendo oltre al sapore anche l’aspetto gradevole (no non stiamo parlando di panini di plastica, anche se l’idea potrebbe aver sfiorato più di un lettore).

David Whipple, l’autore di questo esperimento, ha portato il suo panino trofeo alla trasmissione televisiva “The Doctors” (Paramount CBS TV) con tanto di scontrino datato 7 Luglio 1999 (ricordiamoci di festeggiare il 14esimo compleanno del panino, altrimenti si offende).

Lo scopo, come dichiarato da David era quello di conservarlo per 1 solo mese, ma le cose sono andate in modo diverso: dimenticatosi dell’hamburger, lo ha ritrovato dopo ben 14 anni nella sua confezione originale con scontrino annesso.

La sorpresa è stata tanta che ha deciso di andare in trasmissione e sottoporre il panino ad alcuni esperti e medici: nessun segno di muffa, cattivi odori e aspetto molto simile a quello di un panino appena acquistato.

Il panino, ormai famoso in tutto il mondo, verrà utilizzato dall’autore per incoraggiare i suoi figli a mangiare sano, ma scommetto che non pochi consumatori, abituali e non, di cibi spazzatura siano già rimasti increduli a bocca aperta e stiano cominciando a riflettere un po’.

Credo che forse 14 anni siano un po’ esagerati,  ma se anche fosse solo un anno sarebbe davvero un valido elemento per capire cosa ci danno da mangiare tutti i giorni, per comprendere che siamo quello che mangiamo, per indirizzarci verso una alimentazione più sana.

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

Panino McDonald’s acquistato 14 anni fa in perfette condizioni

dott. Filippo Tartaglini | Physioness.com

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.