Specchio per diagnosi

Esistono diversi tipologie di specchi, di ogni forma e colore, da quello che porta sfortuna quando si rompe a quello magico di cenerentola.

Proprio quest’ultimo è un progenitore di un nuovo tipo di specchio che potrebbe diventare un aiuto prezioso per la nostra salute in grado di capire in modo efficace se siamo malati o se stiamo per ammalarci.

Uno strumento diagnostico vero e proprio

Wize Mirror è a tutti gli effetti un preciso strumento per fare diagnosi precoci basandosi su molti parametri importanti per il nostro benessere.

Un oggetto progettato con finanziamenti europei grazie al lavoro di ricercatori e partner provenienti da 7 paesi dell’Ue.

Il coordinatore dello “specchio magico”, o meglio conosciuto come progetto Semeoticons è Sara Colantino, una ricercatrice dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche a Pisa che in una recente intervista ha dichiarato: “E’ a tutti gli effetti uno specchio, ma al suo interno nasconde sensori e telecamere molto simili a quelli usati nelle console da videogioco. Il nostro obiettivo è quello che ogni persona in un futuro prossimo possa montarne uno a casa.”

Questa superficie riflettente a tutti gli effetti simile a un normale specchio in realtà possiede strumenti all’avanguardia come uno scanner 3D, sensori per i gas e fotocamere spettrali, tutti indispensabili per valutare correttamente la salute di una persona.

Come funziona?

Come si può trovare scritto sulla rivista che pubblicato il lavoro, la Biosystems Engineering, lo specchio è in grado di analizzare:

  • le espressioni facciali in cerca di marcatori dello stress e dell’ansia
  • il colorito e le condizioni dei vari tessuti come quello adiposo
  • i gas presenti nel respiro della persona ricercando alcol o fumo
  • il peso della persona esaminando la forma del viso grazie agli scanner 3D
  • la frequenza cardiaca e i livelli di emoglobina per merito delle telecamere multispettrali
  • il colesterolo dall’analisi della pelle
  • alcune sostanze legate alla glicazione

Tutti questi dati vengono vengono poi raccolti e analizzati in pochi momenti da un software in grado di dare un voto al nostro stato si salute, oltre a fornire preziosi consigli personalizzati per migliorare il nostro attuale stile di vita.

Wize Mirror è un oggetto molto interessante anche se i primi prototipi non avranno prezzi accessibili per tutti e per questo motivo il target saranno inizialmente farmacie, centri benessere o palestre.

State tranquilli però che quando arriverà il successo e la produzione aumenterà potrà diventare tranquillamente di massa, permettendo di realizzare il sogno del team: vedere un Wize Mirror in ogni casa!

Studi clinici e ricerche al via

L’anno prossimo sono già in programma degli studi clinici a Pisa, Milano e Lione che si pongono come obiettivi il paragone dei risultati ottenuti dal Wize Mirror con quelli rilevati da mezzi diagnostici medici più classici.

Gli autori tengono a concludere constatando come la prevenzione sia sempre il miglior approccio per ridurre l’onore economico verso due delle malattie del nostro secolo, quelle cardiovascolari e quelle metaboliche.

Cosa ne penso?

Il progetto è molto interessante (altrimenti non comparirebbe sul mio sito), ma la cosa che mi piace di più di tutto questo è come l’analisi della forma del viso e del colore (manca il calore) delle sue varie zone vengano lette e interpretate in modo simile a come succede con la le medicine alternative, anche se in maniera e con riferimenti diversi si intende.

Un metodo di interpretazione che potrebbe quindi avere ancora un grande spazio di evoluzione, magari integrando anche i principi di medicina cinese utilizzati nelle indagini energetiche da molti trattamenti olistici come l’agopuntura, la riflessologia, il reflessage, lo shiatsu, ecc.

Un potenziale personalmente ancora da sviscerare che fa sperare bene e che moltiplica i campi di applicazione possibili.

Una forma di prevenzione che ha come punto di forza la semplicità e l’immediatezza di impiego per una popolazione molto vasta, prezzo permettendo.

Aspettiamo quindi solamente che vengano effettuati i dovuti studi clinici per confermare la precisione del Wize Mirror a livello diagnostico e la sua futura commercializzazione, speriamo di massa e non solo d’élite, oltre naturalmente alle eventuali future e sperate implementazioni e aggiornamenti.

Se l'articolo ti è piaciuto e magari ti è stato anche utile, ti chiedo di mettere un mi piace (Facebook) qui sotto: a te non costa nulla, a me permette di continuare a pubblicare contenuti gratuiti, grazie!

Wize Mirror: lo specchio che ti dice se sei malato

dr. Filippo Tartaglini

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.