Depressione cura

Il problema che sta alla base della depressione è un alto livello di stress ossidativo e di stress psicologico; questi fattori sono la causa primaria che porta la persona fino alla sindrome depressiva. Una mente depressa è sempre anche scarica, con un livello di energia residua molto bassa.

Un depresso viene spesso definito anche in bioenergetica come un sacco vuoto, incapace di tirarsi su e molto propenso ad assumere le posizioni che la vita gli impone.

Quindi il nostro compito primario sarà quello di ridare energia, voglia di combattere e di vivere alla persona in sindrome depressiva; questo è fattibile senza l’uso dei farmaci solo attraverso una serie di alimenti, diversi per ogni persona e disturbo, capaci di ridare piena vitalità al corpo e alla mente; vitalità che grazie a trattamenti particolari come la riflessologia o la cromoterapia, tornerà in modo ancora più repentino.

Quando la nostra salute fisica, il nostro benessere generale comincia a vacillare per poi precipitare nella patologia, questa si riflette in primis sulla nostra emotività, la parte più fragile della nostra mente, andando a causare sbalzi d’umore, una visione generale negativa della vita e del futuro prossimo che ci attende, oltre ad una apatia generale.

In presenza di disturbi fisici le possibilità di entrare in depressione aumentano esponenzialmente, specialmente se questi disturbi sono legati all’alimentazione, come una gastrite o un colon irritabile, oppure alla mente e al sonno, come mal di testa e insonnia.

Qualsiasi malattia generalmente porta via energia al corpo, acutizzando la depressione, ma in particolare la mancanza di una corretta alimentazione e di una buona digestione, associata alla mancanza del sonno rem, rendono il corpo terreno fertile per stati depressivi e altre complicanze.

Il nostro secondo compito sarà quindi quello, di andare a curare eventuali situazioni di malattia corporea, in particola modo se inerenti all’apparato digerente; solo così gli alimenti e i trattamente potranno portare ai benefici sperati: una situazione di acidità come nella gastrite per esempio, rischia di modificare chimicamente i cibi e si non portare il nostro corpo alle reazioni volute, ritardando notevolmente la guarigione.

Il più delle volte le persone che soffrono di depressione non sono capite dagli altri, parenti inclusi e ciò può causare divergenze e ferite anche molto profonde; la tendenza infatti è quella di pensare che con la ragione e un po’ di buona volontà tutto si possa risolvere in modo semplice, veloce e indolore, anche se in realtà così non è.

In situazioni del genere le persone coinvolte fanno fatica a reagire e il più delle volte manca proprio la voglia e la forza di farlo:grazie al nostro metodo si avranno più energie, il famoso sacco vuoto di prima sarà pieno e saprà sorreggersi da solo, tornerà la voglia di fare e basteranno degli stimoli di persone esterne come imput per tornare a divertirsi e a vivere una vita normale.

Certo la tentazione di prendere prodotti chimici può essere grande viste le promesse di aiuto facile e senza sforzo alcuno, ma questi medicinali hanno la tendenza a portare con sé diversi effetti collaterali e a diminuire la loro efficacia quanfo presi regolarmente; si dovrà quindi aumentare la dose o cambiare tipologia di prodotto, andando ad aggiungere, come se ce ne fosse bisogno, altri effetti indesiderati: la diminuzione dei riflessi, il degrado del pensiero che risulta spento e la sensazione del malato di essere costretto in un mondo che gli è ostile sono solo le più classiche.

Gli psicofarmaci, è stato dimostrato, possono interferire con i motoneuroni e quindi sulle prestazioni fisiche, ma anche su quelle mentali, alterando i riflessi, diminuendo l’attenzione, la memoria e la concentrazione, oltre a indurre notevole stitichezza e bocca secca; gli effetti collaterali però più spiacevoli sono quelli inerenti alla sfera sessuale, che spesso vanno a peggiorare anche il normale rapporto di coppia: diminuzione drastica della libido, difficoltà a raggiungere l’orgasmo con eiaculazione ritardata o assente, fino ad arrivare all’impotenza.

Con i nostri metodi vi verrà insegnato come far reagire il corpo attraverso l’alimentazione, gli effetti indesiderati saranno nulli e i benefici molto grandi; i nostri trattamenti sono completamente naturali e sono atti a stimolare il sistema nervoso centrale e le ghiandole atte alla produzione ormoni benefici, la cui produzione aiuta e controlla il livello di energie generali e lo stato psichico del nostro organismo.

Con la riflessologia per esempio, possiamo andare a stimolare le terminazioni nervose e i meridiani della medicina cinese in modo naturale e piacevole dando continui imput positivi atti a migliorare la condizione generale di energie della nostra mente, che passo dopo passo si ritroverà piena di nuova linfa e voglia di pensare in modo positivo.

Anche con la cromoterapia e la pranoterapia si riesce a stimolare il nostro sistema nervoso centrale e a trasmettergli sensazioni positive.

La cromoterapia e la cromopuntura sono frecce importantissime al nostro arco: l’uso di particolari colori e la stimolazione di alcuni punti di agopuntura con fasci di luce di diversi gradi cromatici, danno sempre risultati sbalorditivi.

La parte più bella di tutto questo metodo è che non si corre alcun rischio per la salute, non esistono condizioni di peggioramento, effetti collaterali o comparse di nuovi sintomi: i trattamenti sono completamenti naturali e non invasivi e gli alimenti che verranno consigliati sono semplici e facili da trovare.

Vi potrebbero interessare anche questi articoli di approfondimento:

Le cause che portano ad uno stato depressivo

Tutti i sintomi causati dalla depressione

La depressione, articolo riassuntivo

Rimedi e cure alternative per la depressione

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

La cura per la depressione

dott. Filippo Tartaglini | Physioness.com

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.