Gazpacho classico

Gazpacho classico

Il gazpacho è un piatto molto semplice da preparare, ideale per l’estate in quanto molto fresco e, grazie alla verdura contenuta, aiuta il nostro corpo a reidratarsi.

E’ un ottimo modo di gustare tutte queste verdure che non essendo soggette a cottura mantengono tutte le loro proprietà nutritive.

Ingredienti per 4 persone

  • 600 gr di pomodori perini
  • 2 cetrioli
  • 100 gr di mollica di pane integrale raffermo
  • 1 peperone verde
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone giallo
  • 1 cipolla di tropea
  • 1 spicchio di aglio
  • 200 gr di pomodori datterini
  • 50 ml di olio extravergine
  • 50 ml aceto di vino bianco
  • crostini di pane integrale fatti in casa
  • sale e peperoncino q.b.

Procedimento

  1. Mettere in ammollo la mollica di pane integrale con i 50 ml di aceto allungato con altrettanta acqua. Nel frattempo lavare la verdura.
  2. Tagliare a pezzi 1\2 peperone giallo, 1\2 verde e 1\2 rosso eliminandone i semi e i filamenti bianchi.
  3. Sbucciare un cetriolo e tagliarlo a rondelle.
  4. Spelare i pomodori datterini, toglierne i semi e tagliarli a pezzi.
  5. Sbucciare l’aglio e la cipolla e tagliare grossolanamente quest’ultima.
  6. Mettere il tutto nel frullatore aggiungendo l’olio extravergine di oliva e frullare per qualche minuto.
  7. Unire al composto la mollica lasciata in ammollo e ben strizzata e frullare nuovamente fino a quando il gazpacho non risulterà omogeneo.
  8. Aggiustare di sale, peperoncino, olio extravergine di oliva e aceto.
  9. Sistemare il gazpacho in 4 terrine e riporre in frigorifero per almeno 3 ore. Deve essere servito molto freddo quindi se volete potete anche metterlo in freezer mezz’ora prima di consumarlo.
  10. Nel frattempo lavare e mondare il cetriolo e tagliarlo a cubetti.
  11. Lavare i pomodori datterini e tagliarli in due.
  12. Preparare dei crostini integrali. Tagliare a listarelle le tre metà dei peperoni.
  13. Riporre il tutto in piccole ciotole da mettere al centro del tavolo come accompagnamento al gazpacho.

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *