Anoressia

L’anoressia è un disturbo alimentare come la bulimia o l’obesità che si caratterizza per un rifiuto psicologico del cibo adottato come soluzione alla folle paura di ingrassare che trova le sue radici in un problema psicologico più profondo di accettazione di se stessi; in questo modo la persona che si vede sempre troppo grassa, cerca di controllare l’ immagine distorta che ha di sé.

La maggior parte delle persone inizia con una semplice dieta dimagrante per migliorare il proprio aspetto; in alcuni casi però, specialmente per quello che riguarda le ragazze, questa attenzione banale verso se stessi diventa ogni giorno sempre più ossessiva fino ad arrivare a distorcere la realtà e la propria immagine allo specchio.

Un controllo e un’ importanza eccessiva data al peso danneggiando così la propria autostima.

I sintomi dell’anoressia sono principalmente da ricercare in una magrezza estrema volontaria, accompagnata generalmente da un fortissima e quasi ossessiva paura di ingrassare con l’impossibilità di mantenere il peso al di sopra dell’85% di quello previsto in base all’età ed alla altezza (BMI inferiore a 17,5).

Nelle persone di sesso femminile troviamo in genere una sospensione di almeno tre cicli mestruali; nell’uomo una probabile disfunzione erettile dovuta alla carenza di testosterone.

L’anoressia è l’espressione di un forte disagio personale che può accompagnarsi anche ad ansia, depressione dovuti alla mancata soddisfazione rispetto al proprio corpo; un’altra cosa molto problematica è il rifiuto da parte della persona nell’ ammettere i propri problemi.

L’anoressia può portare anche a casi seri di malnutrizione, pancreatiti, osteoporosi, cefalea, ipoglicemia, disturbi della personalità e/o ossessivo compulsivo, problemi cardiaci, acne, ecc

L’anoressia nervosa è un problema che è in crescita ogni anno, probabilmente dovuto al nostro modello occidentale che, per assurdo è primo fautore anche della sua controparte, l’obesità.

La persona bulimica in generale si sente non in equilibrio, molto stressata, stanca e non costante nel vivere le proprie giornate.

I trattamenti energetici possono aiutare tutti ad avere maggiori energie per intraprendere il proprio percorso di guarigione, limitando anche le fasi di maggiore stress.

Il tutto non sostituisce, ma può essere di grande aiuto alle cure mediche classiche.

Trovate informazioni più dettagliate su di esse presso associazioni che si occupano da anni con passione e successo dei disturbi alimentari come l’ Aba, l’Aidap; nella propria regione è possibile trovare anche incontri organizzati da sert e cps.

Se ti è piaciuto l'articolo, ti sarei grato se lo dimostrassi con un semplice mi piace su Facebook (clicca qui sotto) Grazie!

Anoressia sintomi e trattamento

dott. Filippo Tartaglini | Physioness.com

Autore degli articoli pubblicati su ioBenessere.it è laureato magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive e Adattate, Diplomato Massoterapista, creatore del metodo Reflessage.