Glicemia alta significa più probabilità di demenza, anche per i non diabetici!

Glicemia alta e demenza

Ritorniamo ancora a parlare di zuccheri, più precisamente dei livelli ematici: in accordo con un studio pubblicato l’ 8 agosto 2013 nel The New England Journal of Medicine, gli alti livelli di glucosio nel sangue aumentano il rischio di demenza di circa 1/5.

Gli zuccheri possono avere effetti particolari sul cervello, come già riportato in diversi studi infatti il diabete porta ad un aumento del rischio di demenza, ma oggi i ricercatori della University of Washington ci fanno sapere come sia emerso dai loro studi un aumento delle probabilità anche per chi non è diabetico, ma ha la glicemia comunque più alta del normale.

Lo studio è stato condotto prendendo le misurazioni dei livelli ematici nel sangue di 2,067 persone per 7 anni, alcuni avevano già il diabete di tipo due, ma la maggior parte no e comunque nessuno aveva segni di demenza.

Per tutti questi anni i partecipanti si sono sottoposti ai classici esami per testare la glicemia e ogni 2 anni venivano sottoposti a screening cognitivo: venivano così valutati i casi in cui si sviluppavano i primi segni di demenza vascolare e morbo di Alzheimer in particolare.

I dati sono stati anche aggiustati tenendo conto di quei vizi che si conoscono già come fattori di rischio per la demenza come il fumo e la pressione sanguigna alta.

I risultati ottenuti sono molto chiari e ci dicono che anche quelle persone che non soffrivano di diabete hanno avuto una percentuale maggiore di casi di demenza: in particolare quelli con una concentrazione media di glucosio di 115 mg/dl avevo il 18% di possibilità in più di ammalarsi rispetto a quelli con 100 mg/dl.

Altro dato interessante che è emerso dalla ricerca è che anche tra i diabetici, quelli che si assestavano su una glicemia più alta (190 mg/dl) avevano il 40% in più di possibilità di demenza rispetto a quelli che si fermavano a 160 mg/dl.

Questa ricerca ci fornisce un motivo valido in più per mangiare in modo più sano, seguire una alimentazione più corretta evitando così moltissimi problemi fisici e mentali, tra i quali oggi aggiungiamo anche la demenza, in particolare quella vascolare e il morbo di Alzheimer (che si può prevenire anche grazie al tè verde).

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *