Gastrite dieta: consigli per un’alimentazione corretta

Gastrite dieta

La gastrite è una infiammazione dello stomaco che compromette la corretta fisiologia della digestione, andando molte volte a intaccare anche l’intestino, diventando cioè una gastroenterite.

Le cause della gastrite sono molte: tra le molte sicuramente una delle più importante è la dieta.

L’alimentazione in caso di gastrite è infatti fondamentale, continuare a seguire le cattive abitudini può essere deleterio e i soli farmaci in genere non riescono a eliminare il problema.

Quando parliamo di dieta per la gastrite parliamo essenzialmente di due componenti:

  1. Cosa mangiare
  2. Regole nutrizionali

Cosa mangiare e non mangiare in caso di gastrite

Il titolo spiega già di cosa andiamo a parlare: è importante sapere cosa si può tranquillamente mangiare e cosa è meglio limitare o addirittura evitare quando abbiamo i tipici sintomi della gastrite.

Partiamo con gli alimenti consigliati:

  • Bevande: acqua naturale NON gasata (meglio se dinamizzata), camomilla, tisane e infusi (preparate con melissa, finocchio, liquirizia, malva), centrifughe (carote, patate).
  • Pane e pasta: pane ben cotto anche abbrustolito e con poca mollica, riso e pasta conditi con olio extravergine d’oliva a crudo senza soffritti.
  • Altri primi piatti: minestre di verdure, vellutate di carote e patate, minestre di riso, semola in brodo; le minestre devono essere preparate con acqua o brodo vegetale.
  • Carne: solo carne bianca leggera e non tutti i giorni e preparata con metodi di cottura leggeri (al vapore, bollitura, griglia senza bruciare la carne), saltuariamente carne rossa come quella di manzo.
  • Pesce: magro come sogliola e orata lesso o ai ferri con olio a crudo.
  • Condimenti: olio extravergine d’oliva.
  • Uova: cotte, alla coque o in camicia.
  • Verdura: cotte, carote, patate, ortiche, finocchi, zucchine, insalata verde a foglia tenera.
  • Frutta: cotta, molto matura in particolare mele e pere.
  • Lievito madre fatto in casa

E adesso le note dolenti, gli alimenti sconsigliati:

  • Bevande: acqua frizzante, bevande gassate, latte, tè, caffè, alcolici, vino, birra, superalcolici, liquori e bevande troppo calde o troppo fredde.
  • Pane e pasta: poco cotti, pane poco lievitato, mollica, conditi con soffritti, sughi, ragù ecc
  • Altri primi: brodo di carne, minestroni con carne di maiale.
  • Carne: maiale, limitato consumo di carni rosse, carni salate, affumicate o poco cotte, salumi e insaccati, animelle, cervella, trippa, anatra, oca e selvaggina.
  • Latticini, formaggi specialmente se fermentati, piccanti o troppo salati.
  • Pesce: grasso come salmone e anguilla, salato come acciughe, aringhe e sardine, crostacei e molluschi.

  • Lievito di birra
  • Uova: fritte o sode.
  • Condimenti: burro, strutto, lardo, spezie come il peperoncino, olio fritto e fritti in generale.
  • Verdura: pomodori, peperoni, melanzane, carciofi, cavoli, legumi non passati, aglio e cipolle con moderazione.
  • Frutta: frutta poco matura, limoni, arance e pompelmi e tutta la frutta acida; frutta secca per l’alto contenuto di grassi e proteine (ad eccezione di anacardi e mandorle).
  • Altri alimenti a cui prestare attenzione: cioccolato, dolci, gelati, frutta candita, salse piccanti, senape, maionese, ketchup, mostarda, paprika, noce moscata e zafferano.

Regole nutrizionali in caso di gastrite (e non solo)

Mangiare lentamente e masticare per almeno 10 secondi a ogni boccone: la digestione inizia in bocca con la masticazione (atto fondamentale anche per la postura per esempio) e con la salivazione. Questi due fattori di fatto rendono il lavoro dello stomaco più agevole, riducendo i tempi di permanenza del cibo nello stesso. In mancanza di queste funzioni fondamentali lo stomaco si trova costretto a dover lavorare molto di più del normale, rallentando di fatto la digestione.

Mangiare in un ambiente rilassato, prendendosi i dovuti tempi per il pasto: mangiare quando si è nervosi e stressati impedisce il corretto afflusso sanguigno agli organi addominali che quindi non riescono a svolgere il loro lavoro come si dovrebbe. Stress e ansia sono, ricordiamolo sempre, molto in relazione con lo stomaco, sia come organo che come meridiano energetico.

Bere molta acqua, meglio se dinamizzata (vedi anche idrocolonterapia), ma lontano dai pasti: un eccesso di acqua nello stomaco diluisce i succhi gastrici rendendo di fatto la digestione meno efficace. Una maggiore idratazione porta anche a un miglior funzionamento di tutto l’apparato gastrointestinale.

Mangiare poco, spesso ed evitando le grandi abbuffate: tutte le persone dovrebbero mangiare in questo modo, ma in particolare chi soffre di gastrite dovrebbe stare molto attento per evitare episodi sgradevoli di bruciori e di reflusso.

Ripartire durante tutto l’arco della giornata i pasti in modo corretto risulta quindi essere una parte essenziale nella dieta in caso di gastrite: in particolare mai saltare la colazione che anzi dovrebbero essere il pasto più nutriente della giornata, mentre è importante rimanere leggeri a cena.

Gli spuntini servono a impedire un aumento dell’acidità e quindi è buona norma farli uno alla mattina e uno nel pomeriggio. Per lo stesso motivo è assolutamente sconsigliato saltare i pasti o digiunare (almeno che non si sia seguiti da uno specialista).

Vuoi avere maggiori informazioni? leggi l’articolo completo sulla gastrite!

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *